Uno sguardo oltre l’Italia

Ed eccoci arrivati all’ultimo appuntamento dell’anno; avrei inizialmente voluto parlarvi degli uccelli che si possono vedere in inverno lungo le coste abruzzesi, ma poi ho cambiato idea, voglio parlarvi delle differenze che ci sono tra l’avifauna che conosciamo noi in Italia e quella che si trova nel Nord Europa. Non parlo delle differenti specie di uccelli che sono lassù al nord e che non si possono trovare qui da noi, ma di come gli uccelli del nord si mostrino socievoli a differenza di quelli che abbiamo vicino casa.

IMG_3473

Ballerina nera, specie visibile solo nel Nord Europa, che ci crediate o meno questa foto è stata scattata da una fotocamera Full Frame e un obbiettivo da 200mm con moltiplicatore di focale 1,4 agganciato per un totale di 280mm.

Nella foto sopra abbiamo visto un esempio di quanto si possa arrivare vicini ad un uccello che non abita qui da noi, ma anche con quelli che sono presenti qui da noi la faccenda non cambia.

IMG_4172

Pettirosso, anche questa foto è stata realizzata con una Canon 6D (sensore Full Frame) e come obbiettivo il Canon 70 – 200 f/4 L IS UMS.

IMG_4374

Gazza, stessa cosa, una Full Frame e un 200mm ed eccola qua.

Svasso-Maggiore-in-Abito

Svasso Maggiore in abito nuziale, la storia su come è stata realizzata la foto non cambia.

Gli animali che vi ho mostrato sopra non sono tenuti in cattività, nessuna voliera, sono selvatici e girano dentro i parchi londinesi. Nei vari parchi di Londra ci sono tantissime specie di anatre introdotte dall’uomo, ma ad esse si aggiungono tante altre specie di animali selvaggi che hanno sconfitto la paura dell’uomo e si avvicinano in cerca di cibo; alcuni di loro nidificano pure, per un esempio che non lascia dubbio guardate la foto sotto e relativi video da me girati.

IMG_4304

Sedersi in panchina e dare da mangiare ai piccioni può essere un esperienza strana per un italiano, gli Aironi Cenerini vi potrebbero circondare…

IMG_3752

……ma anche gli scoiattoli non scherzano.

 

 

Avete mai provato a fotografare un airone cenerino in Italia???

Se avete provate sapete bene di cosa sto parlando, io per primo sono rimasto incredulo; l’airone cenerino è stato uno dei primi soggetti fotografici all’inizio della mia avventura di fotografo naturalista, per avvicinarlo non si sa quante ne ho provate, poi vai a Londra e te lo ritrovi che ti gira intorno….non l’ho mai più fotografato in Italia…

 

 

Se c’è una cosa in cui Londra è diventata simile a Roma è l’enorme abbondanza di gabbiani, socievoli anche questi, molto socievoli…..

 

 

Tutto questo non accade solo a Londra, accade là dove non c’è una tradizione venatoria come in Italia.

IMG_4777

Questo coniglietto ripreso nelle campagne inglesi, sopra la scogliera di Dover, scappava ma la sua distanza di sicurezza rientra in un raggio d’azione di un obbiettivo da 300mm.

Mi è capitato diverse volte sui vari forum online gente che consigliava ottiche lunghe per l’avifauna in Italia, alcuni si sono chiesti come mai: be’, eccovi spiegato il motivo, in Italia senza un obbiettivo da 400mm su un sensore ridotto APS-C non si va da nessuna parte, alcune volte con appositi appostamenti e capanni si riesce anche con meno ma non avete idea di quanti scatti vi perdiate. La foto che mostro sotto è molto significativa su cosa ci vuole in Italia e su cosa basta invece nel Nord Europa.

IMG_0347

A sinistra un 500mm + extender 1,4 su una reflex con sensore APS-C (1120 mm effettivi), a destra una fotocamera Full Frame con un obbiettivo 70-200mm (200 mm effettivi, se 300 mm è meglio) , il primo è molte volte necessario per l’avifauna italiana, il secondo per il Nord Europa.

Se con questo articolo di fine anno ho voluto parlarvi di queste differenze c’è un motivo, volevo portare il lettore (cioè tu) a riflettere su quanto di buono può offrire questo paese in fatto di patrimonio naturalistico; basti pensare che qui da noi tra uccelli di passo e quelli stanziali si supera la soglia di più di 400 specie diverse di uccelli, ma ahimè non si presta attenzione a tutto ciò, si preferisce ancora il piombo al binocolo e il termine birdwatching non si sa cosa sia mentre in America l’osservazione degli uccelli è un hobby molto praticato tanto da aver ispirato anche una bellissima commedia intitolata “Un Anno da Leoni “che invito a vedere.

Ed ecco quindi che io mi auguro un nuovo anno con molta più attenzione per l’ambiente e gli esseri viventi che la popolano…

 IMG_5518

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...