Le rapide di Santa Lucia

Benvenuti nel mio ultimo racconto di viaggio del 2015; oggi vi racconto il viaggio da Musellaro (PE), all’interno del Parco Nazionale della Majella, verso le rapide di Santa Lucia. Ci tengo subito a precisare che l’itinerario che racconterò è abbastanza semplice ma vi sconsiglio nella maniera più assoluta di seguire questo o qualunque altro percorso che porta alle rapide se non tra giugno e settembre e solo dopo alcuni giorni di meteo buono, infatti come vedremo più avanti le rapide possono essere tanto belle quanto pericolose.

_J1A3514

La partenza del mio viaggio è a Musellaro, vicino ad una vecchia chiesa abbandonata; si entra in un sentiero CAI, con varie indicazioni sui luoghi visitabili.

La prima parte del sentiero è tutta in discesa e non mancano passamani per scendere agevolmente, la prima cosa che ci ritroveremo di fronte è una vecchia centrale dell’Enel, ormai non più funzionante e con dei macchinari buttati lì davanti.

_J1A3440

Una prima parte piuttosto semplice

_J1A3437

Basta stare attenti a non scivolare sul terreno o sulle rocce durante la discesa ma i passamano in legno ci aiutano.

_J1A3440

Si comincia ad intravedere la centrale Enel

_J1A3512

Eccola….

_J1A3511

Ed ecco il retro, con quello strano macchinario che sembrerebbe essere una pompa.

_MG_3910

Foto in infrarossi del rottame fuori dalle la centrale

Superata la centrale Enel non ci resta che attraversare un ponte li vicino, dopo si va a sinistra e si costeggia il fiume seguendo un sentiero, le bandierine del CAI sugli alberi ci permettono di non sbagliare strada.

_J1A3444

Il ponte da attraversare, da notare la brina sugli alberi…..ecco, qui fin qui la brina non rappresenta un problema, ma più tardi capirete che lo è !!!

Preso il sentiero alla sinistra del ponte che costeggia il fiume, arrivati ad un certo punto è necessario attraversare un piccolo fiumiciattolo, nulla di che, delle pietre disposte lungo il sentiero permettono l’attraversamento facilmente e senza bagnarsi, tuttavia dopo comincia la salita.

_J1A3458

Il fiume alla nostra sinistra attraversa muri rocciosi imponenti, non sporgetevi troppo!!!!

La salita presenta un punto panoramico sulla sinistra per poi concludersi verso un vecchio rudere abbandonato

_MG_3915

Abitazione abbandonata fotografata in infrarosso.

_J1A3454

Stesso luogo ma con fotografia tradizionale.

Arrivati a questo punto troverete cartelli con indicazioni, da qui infatti si può arrivare fino alla frazione di San Tommaso nel comune di Caramanico Terme, dove potreste vedere una chiesa molto antica risalente al 1200 circa, ma se le rapide sono nel vostro interesse, si gira a sinistra.

_J1A3452

Su alcune pareti rocciose che costeggiano il fiume sono state rinvenute antiche incisioni rupestri.

I punti panoramici sono tanto belli quanto pericolosi se ci si sporge molto, “ATTENTI”.

Una volta giunti al rudere e dopo aver girato a sinistra, dalla salita si passa alla discesa, ed è proprio una discesa abbastanza ripida che ci condurrà alle rapide. Le pareti rocciose che circondano il fiume sono levigate dal fiume stesso, lisce pareti calcaree, bellissime nella loro forma a serpentina, assolutamente da vedere ma molto scivolose.

_J1A3486

Ecco cosa intendo per bello e pericoloso!!!

Se sono giunto fin qui è solo dopo aver valutato il rischio e aver realizzato fino a che punto potevo avvicinarmi; ho camminano gattoni utilizzando come bastone il treppiede della fotocamera con tutte e tre le gambe aperte e con i piedini in gomma ben saldi, muovendomi solo in punti in cui anche se fossi scivolato non sarei finito dentro il fiume perché un piccolo avvallamento della roccia mi avrebbe fermato.

Ecco il motivo per cui vedete poche foto e per cui insisto ancora una volta a raccomandare di non andare se non in estate e col sole, tenendo anche presente che la portata d’acqua in estate è minima e se proprio finite nel fiume un bagno non vi farà poi troppo male.

_J1A3479

_J1A3491 copia

_J1A3476

_J1A3507

Rimettendosi sul sentiero si può proseguire a costeggiare il fiume; per via del bagnato sulle lisce pareti calcaree di cui è formato il canyon non mi è stato possibile avvicinarmi più di tanto, io ci tengo alla mia vita, voglio ancora continuare ad esplorare questa fantastica regione chiamata Abruzzo!!!!

_J1A3462

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...